Parlamento
28 luglio 2017

Approvate definitivamente le nuove norme sui vaccini: cosa prevede la legge

In questi mesi, sul tema dei vaccini, c’è stato un forte interesse dell’opinione pubblica. Purtroppo sono state diffuse anche molte notizie false, prive di qualunque fondamento scientifico, che hanno descritto i vaccini come pericolosi per la salute. Ripetiamo, notizie false. Noi però vogliamo farci carico di tutte le preoccupazioni, senza sottovalutarne nessuna, per questo le nostre scelte recepiscono le indicazioni di tutta la comunità scientifica, nazionale e internazionale. E con questa legge - grazie alla quale vengono resi obbligatori e gratuiti 10 vaccini, prima erano 4 -  vogliamo proteggere per prima cosa la salute dei nostri figli.

di Redazione

Perché è così importante vaccinarsi? Perché al contrario di un normale farmaco che tutela la salute del singolo, i vaccini oltre al singolo tutelano anche l’intera comunità, la c.d. immunità di gregge, e rappresentano una prevenzione di sanità pubblica.

 

Cosa prevede la legge

I vaccini obbligatori e gratuiti diventano 10 (prima erano 4) e ne vengono individuati altri quattro consigliati e raccomandati.
Nel dettaglio, i vaccini obbligatori sono: l’anti-poliomielitica, l’anti-difterica, l’anti-tetanica, l’anti-epatite B, l’anti-pertosse, l’anti-Haemophilus influenzae di tipo b.
Quelli obbligatori “a tempo”, cioè solo fino al 2020, sono: l’anti-morbillo; l’anti-rosolia; l’anti-parotite; l’anti-varicella.
Quelli consigliati sono: l’anti-meningococcica B e C; l’anti-pneumococcica; l’anti-rotavirus.
Queste dieci vaccinazioni saranno realizzate attraverso due sole somministrazioni, una esavalente e una quadrivalente.
“Mono” Vaccini: Le persone potranno ricevere somministrazioni singole se già immuni da alcune malattie.
Viene creata un’anagrafe nazionale dei vaccini, che raccoglie dati sui soggetti che hanno effettuato la vaccinazione, su chi non può fare la vaccinazione e su eventuali effetti indesiderati.
Viene potenziato il sistema di vaccino-vigilanza attraverso l’Aifa.

 

Chi riguarda

L’obbligatorietà riguarda i bambini da 0 a 16 anni.
L’obbligo di vaccinazione è esteso anche ai minori stranieri non accompagnati.

 

Sanzioni

I bambini da 0 a 6 anni, se non in regola con le vaccinazioni, non possono accedere all’asilo nido, alla scuola d’infanzia e alla scuola materna.
I bambini dai 7 ai 16 anni che non abbiano fatto tutte le vaccinazioni possono essere iscritti a scuola e vaccinati successivamente, nei termini previsti dal calendario vaccinale. La mancata presentazione della documentazione fa scattare a carico dei genitori una sanzione economica da un minimo di 100 euro a un massimo di 500 euro.

Le Asl si faranno cura di segnalare le vaccinazioni mancanti.

Dall’anno scolastico 2019/2020 tra Asl e scuole ci sarà uno scambio di dati sui bambini e ragazzi, da zero a sedici anni, che non sono in regola con il nuovo obbligo vaccinale. Si dispone che, a partire dall’anno scolastico 2019/2020, i dirigenti scolastici delle scuole, i centri di formazione professionale regionale e delle scuole private non paritarie trasmettano alle Asl, entro il 1° marzo, l’elenco degli iscritti per l’anno scolastico successivo di età compresa da zero e sedici anni. A loro volta, le Asl dovranno inviare entro il 1° giugno gli elenchi completandoli con l’indicazione dei bambini e ragazzi che risultano “non in regola” con gli obblighi vaccinali. Per i servizi educativi dell’infanzia e le scuole dell’infanzia, incluse quelle private non paritarie, la mancata presentazione della documentazione comporta la decadenza dall'iscrizione.

 

Cosa prevede la legge: leggi il Dossier.

Condividi questo articolo

Correlati

Decreto Vaccini: tutelata la salute di tutti, a partire dai più deboli


Mainfatti.it - Decreto vaccini proteggerà la salute di tutti, sostiene Piazzoni (PD)


Interrogazione sul diritto alla salute dei minori presenti sul territorio italiano in condizioni di irregolarità


Finalmente la nuova legge sul "Dopo di noi": famiglie con persone con disabilità grave saranno libere di progettare il loro futuro