Blog
26 settembre 2017

Approvata la legge sulla promozione delle imprese culturali e creative: riconoscimento giuridico per un settore in grande sviluppo.

La Camera ha oggi approvato la proposta di legge a prima firma di Anna Ascani per il riconoscimento delle imprese culturali e creative: un testo frutto di un ampio dibattito e finalizzato a rafforzare e qualificare l'offerta culturale nazionale e a promuovere e sostenere l'imprenditorialità e l'occupazione, in particolare giovanile, mediante il sostegno delle imprese culturali e creative.

di Redazione

La legge affonda le proprie radici in una serie di riflessioni nate in ambito europeo sulla definizione di Industrie Culturali e Creative (ICC) volte a ridefinire i settori culturali e creativi come: “tutti i settori le cui attività si basano su valori culturali e/o espressioni artistiche e altre espressioni creative indipendentemente dal fatto che queste attività siano orientate al mercato, indipendentemente dal tipo di struttura che le realizza, e indipendentemente dalle modalità di finanziamento di tale struttura”. La legge stabilisce innanzitutto quali sono i requisiti necessari affinché un'impresa possa essere qualificata come culturale e creativa e possa iscriversi nell'elenco tenuto dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. Si tratta di: avere per oggetto sociale esclusivo o prevalente l'ideazione la creazione, la produzione, lo sviluppo, la diffusione, la conservazione, la ricerca e la valorizzazione o la gestione di prodotti culturali; avere la sede in Italia, ovvero in uno degli Stati membri dell'Unione europea o in Stati aderenti all'Accordo sullo Spazio Economico Europeo, purché si abbia una sede produttiva, una unità locale o una filiale in Italia; svolgere un'attività stabile e continuativa. Il testo, inoltre, garantisce come misura di agevolazione, la possibilità di chiedere la concessione di beni demaniali dismessi (in particolare caserme e scuole militari inutilizzabili) previo bando pubblico. Si compie dunque un passo importante, in attesa dell’approvazione definitiva da parte del Senato, per portare alla luce un universo di pratiche ancora poco conosciute e, attraverso il riconoscimento giuridico, disciplinare e dare solidità a un settore così complesso ma con grandi possibilità di sviluppo.

Condividi questo articolo

Correlati

Decreto legge interventi a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma: interventi più rapidi, finanziamenti agevolati per le imprese e sostegno alle persone in maggiore difficoltà


Ilcorrieredellacittà.com - Regione Lazio: 35 milioni di euro per le imprese che hanno difficoltà di accesso al credito bancario


Approvata la legge per il coordinamento e l'aggiornamento delle prescrizioni tecniche per l'eliminazione delle barriere architettoniche


Dalla Regione 35 milioni di euro per le imprese che hanno difficoltà di accesso al credito bancario