Politiche sociali

Reddito di inclusione e contrasto alla povertà: registrato il decreto di riparto delle risorse

Reddito di inclusione e contrasto alla povertà: registrato il decreto di riparto delle risorse

Con l’avvenuta registrazione presso la Corte dei Conti si avvicina la data di effettiva disponibilità delle risorse, a carico del Fondo nazionale per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale, assegnate tramite il relativo decreto di riparto. Lo rende il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con una nota pubblicata sul proprio portale istituzionale. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha reso disponibili, sul proprio portale istituzionale, in data 15 giugno 2018, il decreto di riparto del Fondo nazionale per la lotta alla povertà e all'esclusione sociale, che trasfe... ...continua

REI: linee guida dell'Anci ed adempimenti previsti

Al fine di assicurare omogeneità nei criteri di valutazione, con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, su proposta del Comitato per la lotta alla povertà, e previa intesa in sede di Conferenza unificata, sono approvate linee guida per la definizione degli strumenti operativi per la valutazione multidimensionale. Leggi il testo cliccando qui ...continua

Va ripensata l'indennità di accompagnamento - Il Sole 24 Ore

Va ripensata l'indennità di accompagnamento - Il Sole 24 Ore

AL PASSO COI TEMPI - Le famiglie devono poter scegliere tra un assegno di cura e un budget vincolato all'acquisto di servizi professionali L’invecchiamento della popolazione porterà con sé nuovi bisogni. Tra questi, i bisogni di cura per quella fase della nostra vita in cui ci possiamo aspettare di dipendere in modo più o meno intenso dagli altri. È il grande tema della non autosufficienza, che ovviamente coinvolge anche forme di disabilità in età non avanzata. L'Italia ha introdotto da tempo un'importante misura per far fronte a tutto questo: l'indennità di accompagnamento, che da sola vale c... ...continua

Il Reddito di Inclusione, prima misura che assicura un sostegno a tutti i cittadini italiani in povertà

Il Reddito di Inclusione, prima misura che assicura un sostegno a tutti i cittadini italiani in povertà

Un articolo apparso oggi sul quotidiano "La Stampa" sancisce senza appello il fallimento del Reddito di Inclusione, etichettandolo come "flop". La causa di questo giudizio sommario non è dovuta a una prima analisi dei dati (che d'altronde, dopo soli due mesi dall'avvio, sarebbe quanto meno prematura) ma verrebbe individuata nella difficoltà di coordinamento tra la misura nazionale e le diverse misure di contrasto alla povertà sorte nel tempo a livello regionale: ciò darebbe vita a una "babele" di interventi non connessi, portando ad inefficienze e sprechi di risorse. Una questione vera, senza ... ...continua

Un nuovo sostegno unico e universale per la famiglia

Un nuovo sostegno unico e universale per la famiglia

#COSEFATTE Nuovi diritti per madri e padri, rafforzamento delle tutele, incremento delle risorse e maggiore chiarezza normativa: sono questi i principali aspetti che hanno riguardato i numerosi interventi a sostegno della genitorialità realizzati in questa legislatura. Sul piano dei diritti: si è messo fine all’odiosa pratica delle dimissioni in bianco, perpetrata soprattutto a scapito delle giovani donne al momento dell’assunzione, in vista di un possibile evento della loro vita (es. gravidanza) considerato negativamente dal datore di lavoro, istituendo una nuova procedura telematica obbligat... ...continua

Continuiamo a rafforzare il nostro sistema di welfare: servizi territoriali più forti e riconoscimento delle professionalità

Continuiamo a rafforzare il nostro sistema di welfare: servizi territoriali più forti e riconoscimento delle professionalità

#COSEFATTE La legislatura appena trascorsa ha rimesso in moto il nostro sistema di welfare, destinando ai servizi territoriali cifre mai stanziate prima. Innanzitutto con la messa in sicurezza dei Fondi per le politiche sociali (Fondo nazionale politiche sociali e Fondo per la non autosufficienza). Il centrodestra del Governo Berlusconi, sostenuto dalla Lega e da tutta la coalizione che oggi si presenta alle elezioni, aveva portato all’azzeramento delle principali fonti di finanziamento a sostegno delle politiche di welfare. In questa legislatura, i Fondi in questione sono stati stabilizzati, ... ...continua

Contrastare tutte le diseguaglianze educative, affinché tutti i meritevoli possano accedere alla formazione di qualità

Contrastare tutte le diseguaglianze educative, affinché tutti i meritevoli possano accedere alla formazione di qualità

#COSEFATTE Combattere la condizione di povertà delle famiglie con minori significa combattere per un futuro migliore per le nuove generazioni. Dare a ogni bambino la possibilità di avere le stesse occasioni di formazione e istruzione vuol dire garantire medesime possibilità di crescita e occasioni nello sviluppo del suo progetto di vita, impedendo la trasmissione intergenerazionale della povertà. A tal fine la Legge di Stabilità del 2016 ha istituito il Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile, alimentato dai versamenti effettuati dalle Fondazioni bancarie, per realizzare specifi... ...continua

Indennità più alta e legata ai bisogni, nuovo budget di cura e maggiore autonomia per la non autosufficienza

Indennità più alta e legata ai bisogni, nuovo budget di cura e maggiore autonomia per la non autosufficienza

#COSEFATTE La legislatura appena conclusa ha avuto grande considerazione per i diritti e le esigenze delle persone con disabilità, realizzando una lunga serie di interventi: a partire dal ripristino delle risorse del Fondo nazionale per la non autosufficienza, che dall’azzeramento del 2012 ad opera del Governo Berlusconi, è divenuto strutturale, con risorse certe ogni anno per 450 milioni di euro (ancora superiore, pari a 500 milioni di euro lo stanziamento nel 2017): la cifra più alta mai destinata per la non autosufficienza. Una legislatura che si è presa dunque cura delle persone, dei loro... ...continua

Disabilità, 20 milioni per il superamento delle barriere architettoniche nel Lazio

Disabilità, 20 milioni per il superamento delle barriere architettoniche nel Lazio

Con la legge di bilancio 2017 il Governo aveva previsto il rifinanziamento della legge volta a favorire il superamento delle barriere architettoniche, stanziando 180 milioni mediante il Fondo per gli investimenti: l'intesa raggiunta oggi dalla Conferenza Unificata sulla proposta di riparto presentata dal Ministro Delrio permetterà di assegnare alle Regioni le risorse in questione e di avviare la programmazione degli interventi. Alla Regione Lazio sono stati assegnati circa 20 milioni di euro: stanziamento importante, che potrà consentire agli enti locali del nostro territorio di finanziare le ... ...continua

Reddito di Cittadinanza versione Raggi, propaganda elettorale dopo lo smantellamento del welfare cittadino

Reddito di Cittadinanza versione Raggi, propaganda elettorale dopo lo smantellamento del welfare cittadino

L’ultima trovata di Virginia Raggi, per assecondare la campagna elettorale nazionale del M5S, è la proposta di introdurre anche nella Capitale un fantomatico “reddito di cittadinanza”. Circa 300 euro mensili per 5 mesi e per solo 1500 romani, individuati sulla base di categorie molto eterogenee, senza alcuna considerazione della reale condizione di povertà. Dopo aver strizzato l’occhio ai no vax con un atto al limite dell’eversione, manifestando la volontà di disapplicare la normativa nazionale in tema di vaccinazioni, ecco magicamente l’introduzione di un sussidio inutile, senza alcuna prospe... ...continua