In primo piano

Il reddito universale di Macron e le bugie a 5 Stelle

Il reddito universale di Macron e le bugie a 5 Stelle

Da molto tempo, ormai, assistiamo a una discussione confusa relativamente a una riforma fondamentale del nostro sistema di welfare: l’introduzione del reddito minimo. Negli ultimi giorni abbiamo raggiunto l’apice, con una sfilza di commenti surreali sul Piano contro la povertà presentato da Macron, che nessuno in Italia pare si sia curato di leggere. Il reddito minimo: perché in Italia non si è mai proceduto a introdurlo? Per spiegare come siamo arrivati a questo punto, è necessario ripercorrere brevemente le vicende di questa particolare misura di welfare: il reddito minimo è presente i... ...continua

Delle ottime annate: dall’Italia al nostro territorio, rilanciamo la produzione vinicola di qualità

Delle ottime annate: dall’Italia al nostro territorio, rilanciamo la produzione vinicola di qualità

#COSEFATTE In questi ultimi 5 anni il nostro Paese si è rimesso in moto, recuperando faticosamente il terreno perso durante gli anni della crisi. Con un grande sforzo, i principali indicatori economici sono passati da negativi a positivi, facendo segnare risultati importantissimi. Basti pensare alle esportazioni, che nel 2017 hanno fatto segnare +11.3% sullo scorso anno. Nei primi 10 mesi dell’anno l’Italia ha superato i principali competitor europei con un +8% rispetto all’anno precedente, mettendo dietro la Germania (+6%) e la Francia (+5%). Risultati trainati da alcuni settori, cui è stata ... ...continua

Un nuovo sostegno unico e universale per la famiglia

Un nuovo sostegno unico e universale per la famiglia

#COSEFATTE Nuovi diritti per madri e padri, rafforzamento delle tutele, incremento delle risorse e maggiore chiarezza normativa: sono questi i principali aspetti che hanno riguardato i numerosi interventi a sostegno della genitorialità realizzati in questa legislatura. Sul piano dei diritti: si è messo fine all’odiosa pratica delle dimissioni in bianco, perpetrata soprattutto a scapito delle giovani donne al momento dell’assunzione, in vista di un possibile evento della loro vita (es. gravidanza) considerato negativamente dal datore di lavoro, istituendo una nuova procedura telematica obbligat... ...continua

Finalmente il testamento biologico, ora garantiamo a tutti la libertà di scegliere

Finalmente il testamento biologico, ora garantiamo a tutti la libertà di scegliere

#COSEFATTE L’approvazione della legge sul consenso informato e sulle disposizioni anticipate di trattamento (DAT), meglio nota come legge sul “biotestamento”, ha rappresentato sicuramente uno dei momenti più alti della legislatura, un fatto indiscutibile di avanzamento del nostro Paese nel riconoscimento della piena libertà di scegliere e nell’affermazione del diritto all’autodeterminazione delle persone. Una legge che sancisce, finalmente, diritti affermati da una giurisprudenza frutto del coraggio e delle battaglie di molti, a partire da Beppino Englaro e da Piergiorgio e Mina Welby. Una leg... ...continua

Continuiamo a rafforzare il nostro sistema di welfare: servizi territoriali più forti e riconoscimento delle professionalità

Continuiamo a rafforzare il nostro sistema di welfare: servizi territoriali più forti e riconoscimento delle professionalità

#COSEFATTE La legislatura appena trascorsa ha rimesso in moto il nostro sistema di welfare, destinando ai servizi territoriali cifre mai stanziate prima. Innanzitutto con la messa in sicurezza dei Fondi per le politiche sociali (Fondo nazionale politiche sociali e Fondo per la non autosufficienza). Il centrodestra del Governo Berlusconi, sostenuto dalla Lega e da tutta la coalizione che oggi si presenta alle elezioni, aveva portato all’azzeramento delle principali fonti di finanziamento a sostegno delle politiche di welfare. In questa legislatura, i Fondi in questione sono stati stabilizzati, ... ...continua

Rafforzare la dimensione sociale del diritto all’abitare: un Fondo di garanzia unico e sostegno all’affitto per i più giovani

Rafforzare la dimensione sociale del diritto all’abitare: un Fondo di garanzia unico e sostegno all’affitto per i più giovani

#COSEFATTE Il diritto alla casa ha riacquisito centralità nel dibattito politico e negli interventi normativi realizzati durante questa legislatura: dalla questione fiscale inerente la prima casa alla continuità degli incentivi per la ristrutturazione e riqualificazione energetica degli edifici. Più di 19 milioni di famiglie non pagano più Imu e Tasi, le tasse sulla prima casa: proprietari e inquilini non dovranno quindi mai più versare imposte per l’abitazione principale. Non tutti, però: gli immobili di lusso non sono esentati. Lo sono, invece, gli edifici appartenenti alle cooperative edili... ...continua

Contrastare tutte le diseguaglianze educative, affinché tutti i meritevoli possano accedere alla formazione di qualità

Contrastare tutte le diseguaglianze educative, affinché tutti i meritevoli possano accedere alla formazione di qualità

#COSEFATTE Combattere la condizione di povertà delle famiglie con minori significa combattere per un futuro migliore per le nuove generazioni. Dare a ogni bambino la possibilità di avere le stesse occasioni di formazione e istruzione vuol dire garantire medesime possibilità di crescita e occasioni nello sviluppo del suo progetto di vita, impedendo la trasmissione intergenerazionale della povertà. A tal fine la Legge di Stabilità del 2016 ha istituito il Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile, alimentato dai versamenti effettuati dalle Fondazioni bancarie, per realizzare specifi... ...continua

Indennità più alta e legata ai bisogni, nuovo budget di cura e maggiore autonomia per la non autosufficienza

Indennità più alta e legata ai bisogni, nuovo budget di cura e maggiore autonomia per la non autosufficienza

#COSEFATTE La legislatura appena conclusa ha avuto grande considerazione per i diritti e le esigenze delle persone con disabilità, realizzando una lunga serie di interventi: a partire dal ripristino delle risorse del Fondo nazionale per la non autosufficienza, che dall’azzeramento del 2012 ad opera del Governo Berlusconi, è divenuto strutturale, con risorse certe ogni anno per 450 milioni di euro (ancora superiore, pari a 500 milioni di euro lo stanziamento nel 2017): la cifra più alta mai destinata per la non autosufficienza. Una legislatura che si è presa dunque cura delle persone, dei loro... ...continua

Il Reddito di Inclusione, per contrastare veramente la povertà

Il Reddito di Inclusione, per contrastare veramente la povertà

#COSEFATTE La legislatura appena conclusa ha visto come tema centrale quello del contrasto alla povertà, anche se all’interno di un dibattito politico e mediatico che spesso ha alimentato confusione. La necessità di introdurre nel nostro Paese una misura di reddito minimo di ultima istanza, riallineando dunque l’Italia al resto dei Paesi UE, non era ulteriormente rinviabile. In questo contesto è stato perseguito un risultato di fondamentale importanza per l’immediato e per il futuro del nostro sistema di welfare: l’introduzione della prima misura unica a livello nazionale per il contrasto alla... ...continua

Più forte, più giusta. L'Italia - Programma completo

Più forte, più giusta. L'Italia - Programma completo

Il 4 marzo si vota. Ma non si vota solo per un partito, per un candidato di collegio, per un programma. Si vota un’idea di Paese. Programma del PD Sintesi del Programma 100 cose fatte 100 cose da fare Programma per i giovani ...continua